Una storia africana: “Adjoua”

Nella sezione D dei bambini di 4 anni della Scuola dell’Infanzia Lucina è venuto Ibrahim, il papà di Myriam, a raccontare una storia africana. L’ha letta prima in francese e poi in italiano. I bambini aspettavano tutti in cerchio, e Myriam, per quanto era forte la sua emozione, mentre il papà raccontava, teneva gli occhi bassi. Anche il papà era emozionato, ma i bambini hanno ascoltato tutta la storia in silenzio, quasi a voler captare tra tutti quei suoni di una diversa lingua, parole conosciute.

La storia parla di una bambina, Adjoua, alla quale la mamma chiede di andare al fiume a prendere l’acqua per preparare il pranzo.  Durante il percorso la bambina incontra un elefantino che aveva perso la mamma. Adjoua lo invita a fare il viaggio con lei verso il fiume, perché forse incontreranno la mamma elefante…

Durante la lettura in italiano i bambini hanno ricordato qualche termine della lingua francese e lo hanno ripetuto, poi, dopo aver ringraziato il papà, hanno rielaborato l’esperienza attraverso il disegno libero.

2 thoughts on “Una storia africana: “Adjoua”

  1. Lucia Brugiati says:

    A proposito di questo racconto ed anche delle altre favole, vorrei citare un aforisma dell’antropologo Gregory Bateson, ringraziando le varie scuole ed in particolare, la scuola Lucina, per aver aderito a questo bellissimo progetto interculturale. È stato un vero piacere leggere questo “cloud” ed ascoltare questi nuovi racconti. Spero che questo ed altri progetti, siano di buon auspicio per una convivenza sincera e siano uno spunto di dialogo sereno tra le varie culture perché “la saggezza è saper stare con la differenza senza voler eliminare la differenza”.
    Cit (Gregory Bateson)

    Lucia Brugiati

    • Paola_Margheriti says:

      Grazie per il contributo Lucia! La Direzione​ Didattica di Corciano ha aderito con entusiasmo e impegno al progetto e continuiamo a costruire le occasioni di incontro tutti insieme! Ti aspettiamo a “Raccontami una storia in mostra”, alla Biblioteca Gianni Rodari di San Mariano fino al 31 maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.