IMG_6742

Storie dal mondo nel Parco del Sorriso!

L’evento finale del progetto “Raccontami una storia” si svolgerà al Parco del Sorriso, presso il Residence Chianelli, il giorno

martedì 6 giugno 2017

dalle 9.30 alle 12.30

Pur sapendo che molte scuole sono impegnate negli eventi conclusivi di altri progetti, ci auguriamo di vedervi numerosi nel bellissimo Parco, dove potremo condividere i nostri percorsi, ascoltare altre storie e fare merenda tutti insieme, con la torta al testo della Associazione Pro Pila!

Cogliamo l’occasione per ringraziare tutti coloro che, con tanto entusiasmo, come testimoniato da questo blog, hanno preso parte al progetto!

Chi voglia partecipare è pregato di compilare il modulo qui sotto, in modo da consentirci un’organizzazione efficiente dell’evento.

Modulo di adesione

 

IMG_6742

Il bruco e gli animali selvatici

Il giorno 16 maggio nelle sezioni E F G dei bambini di 5 anni è arrivata  Carole, la mamma di Gabriele, che è di origine francese. Come è avvenuto per altre esperienze di lettura i bambini hanno atteso con curiosità l’arrivo della mamma   per scoprire in quale lingua parlasse. La mamma ha avuto bisogno di incoraggiamento da parte delle insegnanti per vincere una certa timidezza nel presentarsi al gruppo dei bambini. Il racconto che è stato proposto ha come titolo “Il bruco e gli animali selvatici”, racconta la storia di un bruchetto che fa finta di essere il più coraggioso  ed affronta animali più feroci di lui, fin quando un altro animaletto, la rana,  si finge più forte del bruco svelando che il “Guerriero invincibile” che occupava la casa della lepre era semplicemente un bruco.  Alla fine della storia  i bambini, entusiasti, hanno fatto un caloroso applauso alla mamma.

IMG_6742

Bianca la capra coraggiosa

Boucura, mamma di Wisam entra nella sezione dei bambini di 4 anni per raccontare ai bambini una storia in lingua araba. È molto emozionata, ma i bambini con la loro spontaneità riescono subito a farla sentire a proprio agio. Boucura inizia a raccontare la storia “Bianca la capra coraggiosa”. La storia parla di una mamma capra che per difendere i suoi capretti dal lupo supera con coraggio numerose prove. I bambini ascoltano in silenzio e con molta attenzione. La mamma interpreta la storia mimando e modulando la voce, questo permette ai bambini di cogliere alcuni elementi della storia pur essendo raccontata in lingua araba. In un secondo momento la mamma legge la storia in italiano. I bambini incuriositi fanno molte domande inerenti alla storia e Boucura  si mostra molto disponibile nel rispondere ai bambini.

 

Continue reading “Bianca la capra coraggiosa”

IMG_6742

Una storia africana: “Adjoua”

Nella sezione D dei bambini di 4 anni della Scuola dell’Infanzia Lucina è venuto Ibrahim, il papà di Myriam, a raccontare una storia africana. L’ha letta prima in francese e poi in italiano. I bambini aspettavano tutti in cerchio, e Myriam, per quanto era forte la sua emozione, mentre il papà raccontava, teneva gli occhi bassi. Anche il papà era emozionato, ma i bambini hanno ascoltato tutta la storia in silenzio, quasi a voler captare tra tutti quei suoni di una diversa lingua, parole conosciute.

La storia parla di una bambina, Adjoua, alla quale la mamma chiede di andare al fiume a prendere l’acqua per preparare il pranzo.  Durante il percorso la bambina incontra un elefantino che aveva perso la mamma. Adjoua lo invita a fare il viaggio con lei verso il fiume, perché forse incontreranno la mamma elefante…

Durante la lettura in italiano i bambini hanno ricordato qualche termine della lingua francese e lo hanno ripetuto, poi, dopo aver ringraziato il papà, hanno rielaborato l’esperienza attraverso il disegno libero.

IMG_6742

Il guerriero e il saggio

Il giorno 16 maggio 2017 Nisrin, mamma di Samy è stata accolta nelle sezioni C e D dei bambini di 4 anni della Scuola dell’Infanzia “Lucina” per raccontare una storia della tradizione araba ai bambini. La mamma ha letto la storia “Il guerriero e il saggio” prima in arabo poi in italiano. La storia parla di un bambino costretto dal padre, un guerriero, a seguire le sue orme. Lui obbedì ma amava i libri più delle battaglie sapeva che quella non era la sua strada voleva diventare un poeta e un saggio. Quando da grande tornò dal padre e disse le sue intenzioni il padre lo cacciò. Il figlio nonostante in povertà trova fortuna e quando incontra il vecchio padre caduto in disgrazia lo riaccoglie nella sua famiglia. I bambini hanno ascoltato interessati e incuriositi le due letture, è stato un momento carico di emozioni in particolare per il genitore e il bambino.

IMG_6742

Il principe felice

Nei giorni 9 e 15 maggio 2017, nelle sezioni dei bambini/e di 3 anni della Scuola dell’Infanzia “Lucina” di San Mariano è  arrivata Divona, la mamma di Amelia che vive in Italia da quando era una bambina di dieci anni, ma il suo paese di origine è  l’Albania. La signora Divona ha letto una storia dal titolo “Il Principe Felice”. Durante il racconto i bambini/e ascoltavano con attenzione e stupore, incuriositi e divertiti al suono di una lingua sconosciuta. La storia narra dell’amicizia tra un principe diventato una statua ricoperta d’oro e pietre preziose e una colomba, che invece di partire per i paesi  caldi, si lascia commuovere dalla bontà  del principe, che le chiede di portare ad ogni famiglia povera che vede dall’alto del suo piedistallo, un pezzettino dell’oro di cui è  ricoperto.

Storia in albanese

Storia in italiano

 

 

IMG_6742

“Raccontami una storia” in mostra!

Il giorno mercoledì 24 maggio alle ore 16.15 verrà inaugurata presso la biblioteca comunale “Gianni Rodari” di Corciano la mostra dei lavori realizzati nell’ambito del progetto “Raccontami una storia”.

Genitori da tutto il mondo hanno portato a scuola le storie dei loro paesi di origine; le alunne e gli alunni della Direzione Didattica di Corciano raccontano le emozioni di questa avventura!

Siamo tutti invitati!

volantino mostra RACCONTAMI UNA STORIA

IMG_6742

Il pulcino e il grano

Il giorno 3 maggio 2017 nelle sezioni dei bambini di 5 anni della Scuola dell’Infanzia di San Mariano “Lucina” è arrivata Katerina, la mamma di Thomas, che proviene dalla Repubblica Ceca. La signora  Katerina ha portato un libricino dal titolo ”Il pulcino e il grano”. I bambini hanno aspettato incuriositi l’arrivo della mamma di Thomas ansiosi di scoprire in quale lingua avrebbe raccontato la storia. Nel momento della lettura i bambini si sono mostrati interessati, trascinati dalla voce amabile della signora Katerina. La storia narra le vicissitudini di un pulcino che cerca aiuto per trovare la sua mamma. Alla fine della lettura i bambini e le maestre hanno giocato chiedendo la traduzione di alcune parole provando a pronunciarle in lingua ceca.

IMG_6742

L’incontro di formazione: un vero INCONTRO.

Giovedì 4 maggio presso l’Istituto Comprensivo Perugia 5 si è tenuto l’incontro di formazione del progetto interculturale “Raccontami una storia“.

Ha partecipato all’incontro anche la Dott.ssa Lorenza Cipriani, dell’U.O. Servizi Educativi e Edilizia Scolastica del Comune di Perugia.

Il Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo Perugia 5, Prof. Fabio Gallina, ha aperto l’incontro presentando il progetto, di cui l’Istituto Comprensivo Perugia 5 è capofila, e sottolineando quanto sia stato importante coinvolgere le famiglie dei ragazzi stranieri, in un’ottica di condivisione e dialogo interculturale.

Il Dott. Dramane Diego Wagué, assessore, tra le altre, a Scuola ed edilizia scolastica e alle Politiche per l’infanzia e l’adolescenza, si è tolto i panni del politico per raccontarci episodi della sua infanzia multiculturale e per raccomandare anche a noi, come fa con le coppie di sposi che si trova ad unire in matrimonio, che il primo passo per costruire una relazione è accettare che il nostro punto di vista sia solo parte della verità.

La Prof.ssa Paola Falteri, già docente di Antropologia Culturale presso l’Università degli Studi di Perugia, che ha insegnato alla maggior parte dei presenti in sala (compresi i Dirigenti!) ci ha chiarito il senso di parole come assimilazionismo multiculturalismo, per poi sottolineare l’importanza dell’educazione interculturale in una scuola comune ed inclusiva: si tratta di riconoscere le diversità, ma, nello stesso tempo, trovare ciò che ci accomuna, rendendoci simili. La Prof.ssa ha, poi, affrontato la questione dell’Italiano come seconda lingua (Ital2), ricordando a tutti gli insegnanti presenti in sala quanto sia importante che i nostri alunni coltivino la propria lingua di origine, anche praticandola in famiglia, in un’ottica di plurilinguismo, diffuso in larga parte del mondo. Infine, per quanto riguarda la fiaba, ha lodato l’iniziativa del progetto di raccogliere fiabe di tutto il mondo, patrimonio prezioso che a suo avviso meriterebbe una pubblicazione, ma ci ha spronato ad andare avanti, cercando le similitudini tra le fiabe e mettendo in evidenza quei personaggi ponte che costituiscono un vero e proprio patrimonio comune.

Il Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo Perugia 7, Prof.ssa Antonella Ubaldi, è intervenuta con un poetico contributo sulla fiaba, sulla sua valenza “terapeutica“: ci sono fiabe legate al mondo del mito e fiabe “risarcitorie“, che spostano nel sogno quello che nella vita non accade mai, ad esempio il risanamento dei torti. Inoltre la fiaba, esaltando la fiducia del protagonista, aiuta ad affrontare e sconfiggere le proprie paure.

 

IMG_6742

Naso naso

Ayman, 5 anni, figlio di mamma Kerly (Ecuador) e papà Atef (Tunisia), un misto di racconti, un incontro di culture, un grande bagaglio di esperienze. Mamma Kerly legge ad Ayman ed ai suoi compagni una delicata storia in spagnolo, “Naso naso”: che cosa c’è di più caldo, luminoso, divertente dell’amore di una mamma per il suo cucciolo? Con questa storia mamma Kerly ci porta nella sua bellissima terra con un’esplosione di colori e di profumi che inebriano la nostra sezione e i nostri cuori. È bellissimo vedere come tanti bambini siano così curiosi di sapere e conoscere nuovi mondi e diversi modi di vivere. Mamma Kerly, felice ed emozionata, ci ringrazia per aver potuto rivivere, se pur per poco tempo, un po’ delle sue origini.